Pellegrino

Regione

Liguria

Pellegrino

Pellegrino

La ditta Pellegrino nasce negli anni settanta dall’idea dei fondatori, il sig. Mario Pellegrino sua moglie, di espandere l’attività di coltivazione e intraprendere una strada per l’epoca ancora poco esplorata, ovvero la creazione di prodotti che avessero alla base le olive in salamoia.
In pochi anni l’attività prende piede anche grazie alla bontà dei prodotti che fanno sì che vi sia una richiesta sempre crescente, soprattutto nella zona della riviera di Savona e del Sanremese.

Da una piccola produzione locale di olive ed olio il percorso ha materialmente inizio e, coadiuvati dai due figli che crescendo si sono appassionati a questo progetto e hanno iniziato a collaborare con i genitori, l’azienda prende una forma completamente nuova e più strutturata, mantenendo però alla base lo stesso rispetto e la stessa dedizione nei confronti del territorio e della tradizione.

Il punto di svolta avviene nel 2005 quando, ormai avviata, l’azienda passa dai genitori ai figli, facendo nascere la Pellegrino G e L S.a.s., mantenendo comunque una formula a conduzione prevalentemente familiare e con personale della zona, così da valorizzare al meglio il territorio.

Nonostante una crescita che vede la gamma di prodotti incrementare ed un sistema di produzione e confezionamento modernizzato e meccanizzato, tutte le le materie prime sono trattate in maniera artigianale, così da mantenerne il più possibile inalterate le originali proprietà nutritive, assicurando un sapore deciso ed irrinunciabile.

Pellegrino

Da Pellegrino tutto ha alla base la tradizione e il rispetto per la terra. Le olive taggiasche sono raccolte dalle piante presenti sul territorio e le altre materie prime vengono acquistate direttamente dai contadini locali presenti nella zona, rendendo l’azienda una realtà presente e viva all’interno del tessuto sociale.

L’azienda Pellegrino, inoltre, è parte attiva dell'”Associazione per la Taggiasca del Ponente Ligure” che si occupa della valorizzazione di questa eccellenza del territorio, così come di “Cultivar taggiasca” che si occupa di salvaguardare il nome e la provenienza delle olive taggiasche.

<p>A riprova del fatto che la professionalità, la passione e la dedizione nei confronti del territorio e dei suoi “frutti” siano rimaste inalterate e siano la solida base dell’attività, l’azienda Pellegrino nel 2017 ha dato vita ad un progetto autofinanziato per la certificazione del DNA delle olive taggiasche. Alle olive taggiasche raccolte da Pelllgrino, dopo aver superato precisi controlli di verifica del DNA in laboratorio, viene inserito direttamente in etichetta l’identificativo, così da poter offrire ai suoi clienti dei prodotti in grado di contraddistinguersi una volta di più per l’elevato standard qualitativo.</p>

A riprova del fatto che la professionalità, la passione e la dedizione nei confronti del territorio e dei suoi “frutti” siano rimaste inalterate e siano la solida base dell’attività, l’azienda Pellegrino nel 2017 ha dato vita ad un progetto autofinanziato per la certificazione del DNA delle olive taggiasche. Alle olive taggiasche raccolte da Pelllgrino, dopo aver superato precisi controlli di verifica del DNA in laboratorio, viene inserito direttamente in etichetta l’identificativo, così da poter offrire ai suoi clienti dei prodotti in grado di contraddistinguersi una volta di più per l’elevato standard qualitativo.

Prodotti

La filiera dell’azienda Pelelgrino è praticamente a ciclo chiuso. Le olive, infatti, vengono raccolte fresche, lavorate, confezionate in loco e solo dopo distribuite al consumatore. In poche parole “dalla terra alla tavola”.

Questo sito o gli strumenti di terzi utilizzati al suo interno si avvalgono di cookie (tecnici e di profilazione) per:
– il corretto funzionamento del sito
– generare delle statistiche di navigazione
– mostrarti pubblicità in modo non invasivo
Proseguendo la navigazione su questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Cookie policy